Premio "De Carli" 2014, nuova data per la consegna e nomina dei giurati

Roma, 18.4.2013 - Novità dall'Associazione culturale "Giuseppe De Carli - Per l'informazione religiosa" che ha deciso uno slittamento della data per la realizzazione dei lavori partecipanti all'omonimo Premio e ha costituito la nuova giuria.

La prima novità è strettamente legata alla cerimonia di canonizzazione di Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II, in programma il prossimo 27 aprile a piazza San Pietro. In considerazione del grande evento di fede e quindi anche mediatico, con l'arrivo a Roma di migliaia di giornalisti e con la copertura mondiale di questo grande avvenimento ecclesiale, è stato deciso uno slittamento della data entro la quale dovranno essere realizzati i lavori.

Mentre rimane invariata la data ultima per la consegna degli elaborati (30 giugno 2014), è stata posticipata di un mese quella per la produzione degli stessi, fissandola così al 30 aprile 2014, in modo tale che la prossima edizione del Premio possa includere anche i lavori sulla canonizzazione di papa Roncalli e papa Wojtyla.

"Una scelta doverosa in considerazione di questo atteso evento - spiegano gli organizzatori - e della copertura da parte di numerosi giornalisti che saranno chiamati a raccontarlo, per testate nazionali e internazionali, di grandi o piccole dimensioni. Crediamo che molti giornalisti desiderino concorrere con i lavori realizzati in queste giornate così significative non solo per la Chiesa ma anche per i rispettivi cammini professionali".

Come si ricorderà, l'Associazione ha distinto anche le categorie dei partecipanti, creando un'apposita sezione per coloro che non abbiano superato il 30° anno di età alla data del 31 dicembre 2013, valorizzando in questo modo i giovani che si avviano alla professione, proprio come era nella sensibilità di Giuseppe De Carli.

LA GIURIA

L'altra novità riguarda la nuova giuria che sarà chiamata a giudicare i lavori partecipanti. Ne faranno parte: Lucio Brunelli, vaticanista del Tg2 e vincitore della prima edizione con lo speciale del Tg2 Dossier dal titolo "Benedetto XVI, ritratto inedito"; Domenico Delle Foglie, direttore dell'agenzia di stampa SIR, il Servizio di informazione religiosa; Stefania Falasca, editorialista del quotidiano "Avvenire"; Santino Franchina, vice presidente dell'Ordine nazionale dei giornalisti; Donatella Negri, giornalista del TG3 Rai Lombardia; Domenico Paoletti (OFMConv), docente di teologia e preside della Pontificia Facoltà teologica "San Bonaventura" Seraphicum; Marina Ricci, giornalista e per anni vaticanista del Tg5; Carla Rossi Espagnet, teologa e docente presso la Pontificia Università della Santa Croce.

Il Premio "Giuseppe De Carli" si avvale della collaborazione accademica delle Università pontificie della Santa Croce e "San Bonaventura", del patrocinio dell'Ordine dei giornalisti, dell'Unione cattolica stampa italiana, della Federazione nazionale della stampa, di Rai Vaticano, del Consiglio regionale del Lazio, della Provincia di Roma e del Parco nazionale della Pace di Sant'Anna di Stazzema.

REGOLAMENTO DELLA II EDIZIONE:
http://www.associazionedecarli.it/price/101-category-home/178-regolamento-del-premio-ii%C2%AA-edizione-2014.html

ULTERIORI INFORMAZIONI
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. – 3355610257 (Elisabetta) – 3803463384 (Giovanni)

Regolamento del Premio - 6ª edizione (2021)

6ª edizione - 2021

Il Premio “Giuseppe De Carli” è destinato a giornalisti (professionisti, pubblicisti, praticanti o corrispondenti esteri) che operano nell’ambito dell'informazione religiosa, nei settori della carta stampata, dell’emittenza radiofonica, televisiva e dei nuovi media, in testate sia nazionali che estere.

Il Premio prevede la tradizionale sezione, quest’anno dedicata al tema della pandemia, cui si aggiungono due nuove sezioni in questa sesta edizione:

SEZIONE 1. “La Chiesa durante la pandemia di Covid-19” 

SEZIONE 2. “Informazione e migranti” 
(Aree tematiche: il superamento dei pregiudizi; il ruolo e il rispetto delle minoranze; l’importanza della convivenza e della integrazione; la rappresentazione mediatica della sofferenza e dell’emergenza; la deontologia nel racconto del fenomeno migratorio; la percezione del fenomeno della migrazione e politiche di accoglienza).

SEZIONE 3. “Informazione e tradizioni religiose” 
(Aree tematiche: il superamento dei pregiudizi e del fanatismo; il Ruolo e il rispetto delle minoranze; l’importanza della convivenza e della integrazione; la deontologia nel racconto delle tradizioni religiose; la percezione nei confronti delle tradizioni religiose).

Lavori prodotti dall'1 marzo 2020 al 31 dicembre 2020La data ultima per la consegna del materiale è il 30 giugno 2021.

Vai al Regolamento completo

Iscrizione al Premio

6ª edizione - 2021

Compila la scheda di iscrizione

Versamento iscrizione al Premio